Membro del Congresso degli Stati Uniti: La crisi del Coronavirus farà diventare Bitcoin “più importante” e “più forte”

La crisi del Coronavirus farà diventare Bitcoin “più importante” e “più forte”

La pandemia di coronavirus ha provocato una crisi economica globale senza precedenti, non diversamente da quella del 2008 che ha portato alla creazione di Bitcoin.

Un numero di investitori si sono rivolti a bitcoin negli ultimi mesi per combattere l’inflazione che vedono nascere come risultato delle misure di stimolo senza precedenti del coronavirus che la Federal Reserve degli Stati Uniti e altre banche centrali hanno pompato nel sistema.

Adesso, con il prezzo del bitcoin che segue altri cosiddetti beni rifugio, come l’oro, più alto nell’ultima settimana, il deputato americano Tom Emmer ha detto che si aspetta che il bitcoin “diventi più forte” mentre il mondo emerge dalla crisi del coronavirus.

“Quando usciremo dalla crisi, il bitcoin non se ne andrà”, ha detto il deputato americano Tom Emmer (R-MN) a Anthony Pompliano, che ha parlato durante un’intervista sul famoso podcast di Pompliano, aggiungendo il bitcoin e le valute crypto “continueranno a diventare sempre più importanti”.

“[Bitcoin sta] diventando più forte. Basta guardare, ha un valore, quando una cosa ha un valore, la gente si assume dei rischi e avanza.”

La scorsa settimana Emmer ha sottolineato i recenti sviluppi, tra cui le autorità di regolamentazione statunitensi che la settimana scorsa hanno autorizzato le banche a fornire la detenzione delle valute crypto, come il tipo di progresso che porterà il bitcoin e il cryptonel mainstream.

Emmer ha anche criticato i moderni sistemi monetari centralizzati, risalendo agli Stati Uniti e allontanandosi dal gold standard negli anni Settanta.

“Ci sono cose che accadono che stanno per sconvolgere la natura centralizzata della nostra società. Stiamo per far saltare tutto questo, a causa della pandemia, credo”, ha detto Emmer.

La Bitcoin è alimentata da una tecnologia decentralizzata a blockchain che sostituisce l’autorità centralizzata con una rete distribuita. Usando la blockchain, qualcuno pensa che i governi saranno in grado di abbandonare i sistemi centralizzati dall’alto verso il basso.

“Penso che ci stiamo solo spostando verso la fase successiva, ed è per questo che crypto, l’area, mi entusiasma”.

Emmer ha difeso l’innovazione decentralizzata e a blockchain in passato, chiedendo al governo degli Stati Uniti di sfruttare la tecnologia della valuta crypto.

Proprio in questa settimana, ha co-firmato una lettera all’IRS, chiedendo all’agenzia delle entrate degli Stati Uniti di elaborare una politica che sostenga i protocolli utilizzati per creare alcune valuta crypto, nota come prova di presa.

Nel corso di quest’anno, ha espresso la sua preoccupazione per il fatto che la regolamentazione possa, in ultima analisi, soffocare l’innovazione e ha invitato il governo degli Stati Uniti a fornire maggiore chiarezza normativa per l’industria crypto.

“Non torniamo indietro per quanto riguarda la superautostrada di internet”, ha detto Emmer a Pompliano. “Dobbiamo procedere.”

Emmer ha anche utilizzato il recente hack di Twitter, in cui sono stati rubati account Twitter di alto profilo e utilizzati per promuovere una truffa bitcoin, per dare il suo supporto a bitcoin.

“Il problema non è Bitcoin”, ha twittato dopo l’attacco. “Il controllo centralizzato lo è”.

Previous Article
Next Article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *